Proteggi il tuo cane con gli antiparassitari per cani

Pubblicato il 08/08/2020 da Redazione

«E' fondamentale proteggere i nostri cani utilizzando gli appositi antiparassitari per cani. Ma quale usare?»

Categorie: Veterinari, cani, Cure e salute

Veterinari,cani,Cure e salute: Proteggi il tuo cane con gli antiparassitari per cani

Come proprietari di cani, una delle cose da fare è proteggere i vostri amici a quattro zampe dai parassiti esterni. Zecche, pulci, pidocchi, flebotomi, zanzare... Tutto sta nel scegliere il prodotto giusto basandosi sulla situazione epidemiologica locale e sullo stato di salute generale del cane. Come antiparassitari ormai c'è l'imbarazzo della scelta: spot on, spray, compresse, collari... Scopriamo come scegliere quello giusto.

Come scegliere l'antiparassitario giusto?

Prima vediamo come NON scegliere l'antiparassitario giusto. Non va scelto a casaccio, basandosi solo sul costo inferiore. Questo è il sistema migliore per scegliere un prodotto magari non utile per il cane in quel momento.

L'antiparassitario va scelto considerando sia l'effettiva situazione epidemiologica locale che lo stato di salute del cane. E' inutile prendere un antiparassitario che protegge solo per pulci e zecche quando il cane vive in un ambiente endemico per Leishmaniosi. Così come è controproducente prendere un antiparassitario da applicare localmente quando il cane magari ha una dermatite proprio nel punto di applicazione o ha già manifestato in precedenza particolari allergie.

Prima di acquistare un antiparassitario, chiedete al vostro veterinario quale sia il caso di usare: di sicuro saprà dirvi quali malattie sono presenti in zona e quale prodotto sia più indicato. Inoltre potrà spiegarvi anche quali combinazioni di prodotti siano possibili. Potete, infatti, abbinare fra di loro spot on, spray, compresse e collari, ma non tutte le combinazioni sono possibili. E anche quando lo sono, bisogna rispettare determinate accortezze.

Antiparassitari per cani spot on: vantaggi e svantaggi

Ci sono molti antiparassitari per cani spot on, tuttavia non tutti proteggono per le medesime malattie. Ci sono quelli che proteggono solo per le pulci, quelli attivi contro pulci e zecche, quelli che proteggono anche contro pidocchi, quelli repellenti per i flebotomi della Leishmaniosi e quelli che fanno anche alcuni parassiti interni o la filariosi cardiopolmonare. Per questo prima vi dicevo che è necessario scegliere bene il prodotto giusto.

Il vantaggio è che sono pratici e veloci da applicare, lo svantaggio è che vi dovete ricordare mensilmente di applicarli e che non bisogna lavare il cane subito prima e subito dopo l'applicazione, altrimenti il prodotto non viene assorbito correttamente (le tempistiche variano a seconda del prodotto). Inoltre non vanno applicati su cani con gravi dermatiti.

Antiparassitari per cani spray: vantaggi e svantaggi

Ci sono anche gli spray antiparassitari, ma solitamente vengono utilizzati o nei cuccioli troppo piccoli che non possono ancora applicare spot on, collari o prendere compresse o come rinforzo per gli altri prodotti.

Anche qui a seconda del prodotto coprono per questa o quella parassitosi. Sono un più scomodi da mettere soprattutto sui cani di grossa taglia.

Antiparassitari per cani in compressa: vantaggi e svantaggi

Nel corso degli ultimi anni stanno prendendo sempre più piede gli antiparassitari per bocca in compressa. La frequenza di somministrazione varia a seconda del prodotto (solitamente è mensile, ma in un caso è trimestrale) e possono coprire per pulci, zecche, acari, alcuni parassiti intestinali o anche la filariosi cardiopolmonare. Non tutti hanno le medesime indicazioni, per cui anche qui bisogna scegliere correttamente.

Generalmente sono molto efficaci, ma richiedono per forza Ricetta Elettronica Veterinaria (obbligatoria anche per alcuni spot on) e non proteggono da pappataci e zanzare, motivo per cui in zone endemiche da Leishmaniosi non possono essere utilizzati da soli.

Antiparassitari per cani, i collari

Infine abbiamo i collari. Ce ne sono di diversi tipi, alcuni sono più efficaci di altri. E anche più sicuri di altri. Come visto per le altre tipologie, non tutti i collari proteggono per le medesime malattie e non tutti hanno la stessa durata di tempo.

Hanno l'indubbio vantaggio che, una volta applicati, durano un tot di mesi e non bisogna ricordarsi continuamente di applicarli. Non vanno utilizzati, però, in caso di allergia al prodotto o quando ci sono più cani conviventi che si divertono a mangiarsi il collare fra di loro.

Alcuni proteggono solo da pulci e zecche, altri, come il collare Scalibor, contengono deltametrina che protegge anche dai pappataci della Leishmaniosi. 

Commenta questo articolo:

Ti potrebbe interessare: