Meglio adottare un gattino o un gatto adulto?

Pubblicato il 28/01/2020 da Manuela Veterinaria

«Ci sono innegabili vantaggi sia nello scegliere un gattino piccolo che un gatto adulto.»

Categorie: Veterinari, gatti, Bisogno di esercizio, Carattere e socialità, Cure e salute

Veterinari,gatti,Bisogno di esercizio,Carattere e socialità,Cure e salute: Meglio adottare un gattino o un gatto adulto?

Secondo voi è meglio adottare un gattino piccolo o è meglio scegliere un gatto adulto? La tendenza dei neo proprietari di gatti solitamente è quella di volere il gattino più piccolo possibile: per molti proprietari un gatto di 3-4 mesi è già troppo grande. In realtà non si rendono conto che più è piccolo il gatto, più difficoltà potrebbero incontrare nel crescerlo. Prima di andare a vedere se sia meglio adottare un gattino o un gatto adulto, però, bisogna fare una precisazione: così come per i cani, non possono essere adottati gatti di età inferiore ai due mesi di vita.

L'età minima di adozione per un cane o un gattino è, infatti, due mesi. Tranne casi eccezionali (vedi gattini orfani che richiedono necessariamente di essere allattati artificialmente e svezzati), il gattino deve rimanere con la madre per i primi due mesi di vita. Questo è importante non solo dal punto di vista sanitario (assunzione del colostro, svezzamento naturale e graduale...), ma anche perché la madre in questi due mesi insegna ai piccoli comportamenti fondamentali come l'inibizione del morso per esempio. Se prendiamo con noi un gattino al di sotto dei due mesi di vita, non riusciremo ad insegnargli tali comportamenti e il gatto da adulto potrebbe sviluppare diverse problematiche comportamentali legate a un distacco materno troppo precoce. 

A questo associamo anche problemi legati all'alimentazione o alla salute: troppo spesso proprietari inesperti si incaponiscono nel volere un gattino di un mese o anche meno (pure se vietato) e poi si disperano perché il gattino non mangia, va in diarrea, vomita, ha problemi digestivi, non sanno come alimentarlo... C'è più di un motivo per cui non si devono prendere gattini più piccoli di due mesi. 

Sommario:

Vantaggi nell'adottare un gattino

Fermo restando che si può adottare un gattino dai due mesi di vita in su, l'innegabile vantaggio di prendere un gattino piccolo è che potrete educarlo da zero voi stessi. Questo sempre considerando il fatto che stiamo parlando di un gatto e non di un cane, quindi mettete sempre in conto qualche piccola intemperanza.

Gattino che gioca

Un gattino piccolo potrà essere guidato nella crescita in modo da limare sin da subito i comportamenti indesiderati che potrebbe manifestare come, per esempio, il rifarsi le unghie sull'antico tavolino della nonna. 

Ovviamente adottare un gattino piccolo vuol dire dovergli insegnare tutto: dove fare i bisogni, dove non deve rifarsi le unghie, cosa non deve distruggere e via dicendo. Tuttavia anche questo fa parte del rapporto che andremo ad instaurare con lui.

Ma adottare un gattino piccolo vuol anche condividere tutta la gioia di vivere e la tenera pazzia di un micino piccolo che vuole giocare, esplorare e farsi fare le coccole. Inoltre se avete già un altro gatto in casa potrebbe essere più facile fargli accettare un gattino piccolo che non un gatto adulto, soprattutto se avete un gatto molto anziano o acciaccato che non ha voglia di farsi saltare addosso di continuo da un intraprendente e sfrontato micetto.

Diverso il discorso se avete un cane: qui converrebbe prima valutare attentamente l'indole e il carattere del cane. Con cani dal forte istinto predatorio sarebbe meglio evitare del tutto di prendere un gatto, sia esso piccolo o adulto, prima di aver lavorato con un veterinario comportamentalista per ridurre il livello predatorio del cane. Il rischio, infatti, è che il cane consideri il gatto appena arrivato come una preda, con esiti anche tragici.

Vantaggi nell'adottare un gatto adulto

Ci sono numerosi vantaggi anche nell'adottare un gatto adulto. Prima di tutto, essendo già grande, avrete giù bypassato tutta la fase iniziale delle sverminazioni, raffreddori, vaccini e malattie tipiche dei gattini piccoli. 

Inoltre non avrete problemi di alimentazione o cambi di alimentazione. In secondo luogo avrete già precise indicazioni sul carattere e temperamento di quel gatto: essendo un micio adulto, il carattere si sarà già formato per cui saprete esattamente a cosa andate incontro. Cosa che, invece, con un gattino piccolo non potrete fare: non potete sapere quale carattere svilupperà quel micino da lì a qualche mese. 

Soprattutto se adottate un gatto da un gattile o un rifugio, i volontari potranno darvi anche utili indicazioni su cosa piace al gatto, sulle sue abitudini (preferisce questo cibo a quello, vuole questa lettiera o quella, non gli piacciono queste cose, preferisce essere coccolato in questo modo...) in modo da non avere sorprese.

Solitamente, poi, un gatto adulto ha già delle abitudini ben radicate: sa dove andare a fare i bisogni, non sporca in giro (salvo abbia problematiche comportamentali particolari, ma sono eccezioni, non la regola), sa come usare le ciotole...Non sottovalutate la capacità di un gatto adulto di affezionarsi a voi e darvi amore incondizionato sin da subito: ci sono gatti adulti che si affezionano ai nuovi proprietari con la stessa velocità e dedizione di un gattino piccolo. 

Gattino gioca

Gattino

Un mondo felino tutto da scoprire, imprevedibile: il suo carattere sarà una sorpresa

Gatto adulto gioca

Gatto adulto

Un mondo felino già conosciuto e stabile: saprete già con che carattere avrete a che fare

Dove trovare un gatto?

State cercando un gattino da adottare? Provate a dare un'occhiata alla nostra sezione degli annunci:

Annunci gatti da adottare
Gattini

Potete anche fare un salto dai nostri amici di AllevamentiRazze.it per tenere sotto controllo i diversi allevamenti di gatti di razza e vedere se c'è il gattino del vostro cuore.

Commenta questo articolo:

Ti potrebbe interessare: