Microchip gatto: costo e quando metterlo. Ma è obbligatorio?

Pubblicato il 08/10/2020 da Manuela Veterinaria

«Il microchip nel gatto è obbligatorio sono in alcune regioni e in determinate circostanze. Ecco tutto quello che dovete sapere.»

Categorie: Veterinari, gatti, Apprendimento, Prezzi e Dove trovarlo

Veterinari,gatti,Apprendimento,Prezzi e Dove trovarlo: Microchip gatto: costo e quando metterlo. Ma è obbligatorio?

Visto che abbiamo parlato di microchip nel cane, è doveroso approfondire anche la questione del microchip nel gatto. A differenza di quanto accade nel cane, dove il microchip è obbligatorio per legge in tutta Italia, nel gatto non è obbligatorio (tranne in un paio di regioni). Nel caso, però, voleste metterlo, vi indichiamo anche da chi andare e il costo.

Sommario:

Microchip gatto: dove è obbligatorio

Gattino rosso

In Italia il microchip nel gatto non è obbligatorio, tranne che in Lombardia dove è diventato obbligatorio come per il cane da inizio 2020. Tramite specifica ordinanza, infatti, la Regione Lombardia ha deciso che il microchip sarà obbligatorio per tutti i gatti di proprietà. 

Non è ancora ben chiaro se la Lombardia abbia fatto da apripista e se in futuro l'obbligo verrà esteso anche ad altre Regioni.

Tuttavia ci possono essere anche specifiche indicazioni regionali. Se andiamo sul sito dell'Anagrafe regionale del Lazio dedicata agli animali da compagnia si legge che per il gatto non è obbligatoria l'identificazione con il microchip, ma attenzione, c'è un'eccezione nel Lazio: l'identificazione del gatto tramite il microchip diventa obbligatoria nel caso il gatto venga acquistato o venduto. Il microchip diventa poi obbligatorio nel gatto nel caso in cui fosse necessario fare una vaccinazione antirabbica per portare il gatto all'estero, con annesso Passaporto: in tutta Italia, per poter fare una vaccinazione antirabbica, l'animale, sia esso un cane, gatto o furetto, deve prima essere identificato tramite microchip e poi può essere vaccinato. In caso contrario molti Servizi Veterinari dell'Asl non ritengono valida quella vaccinazione antirabbica fatta senza microchip.

Il fatto che non sia obbligatorio, però, non vuol dire che non possa essere messo: soprattutto per gatti che possono uscire fuori e che quindi possono perdersi più facilmente, nulla vi vieta di far inserire volontariamente il microchip. In questo modo se il gatto dovesse perdersi o venisse rubato, se viene controllato il microchip ecco che si può risalire al suo legittimo proprietario. I gattili e i rifugi sono pieni zeppi di gatti di proprietà scappati che non si riesce a restituire ai proprietari perché, essendo sprovvisti di microchip, non si sa chi sia il proprietario (il quale magari lo sta cercando disperatamente, ma non riesce a trovarlo).

Microchip gatto: quando applicarlo e chi lo inserisce

Il microchip del gatto può essere inserito solamente da un veterinario che abbia specifica autorizzazione dell'Asl nell'applicazione dei microchip.

Gatto in esterno

Potete applicarlo in qualsiasi momento della vita del gatto, con l'unica limitazione relativa al fatto che il veterinario può applicarlo solamente a gatti di proprietà di persone residenti nella sua stessa regione di appartenenza. Questo vuol dire che un veterinario della Lombardia non può applicare il microchip al gatto di una persona che risiede in Piemonte.

Il microchip viene applicato tramite apposita iniezione nel sottocute della regione laterale sinistra del collo. Visto che il microchip è il medesimo del cane e viste le dimensioni dell'ago, il consiglio, se avete preso un gattino e volete farlo microchippare, è di farlo applicare contestualmente alla sterilizzazione quando il micio sarà sedato, in modo da minimizzare il fastidio dell'applicazione (questo se non ci sono motivi contingenti che vi spingono a doverlo microchippare subito).

Una volta applicato il microchip, il veterinario provvederà a compilare l'apposito certificato, di cui vi verrà consegnata una copia. Spetta al veterinario poi caricare nella specifica anagrafe il microchip così applicato.

Quanto costa il microchip gatto?

Gatto tigrato grigio

Il costo del microchip del gatto è come quello del cane. 

Pur non essendoci un tariffario unico nazionale e non essendoci un tariffario dei minimi, solitamente costa quando una visita, quindi dai 20 ai 35 euro, dipende un po' dalla zona. Ovviamente se contestualmente vengono fatti altri vaccini o una sterilizzazione, dovrete sommare anche il costo delle eventuali altre prestazioni.

Commenta questo articolo:

Ti potrebbe interessare: